Un'esperienza unica

La barca vela è il mezzo di elezione per scoprire queste meravigliose isole da una prospettiva del tutto nuova…ma perchè non esplorarne anche i lati più nascosti, quelli che solitamente rimangono sconosciuti al turismo di massa?

Ci metteremo in cammino tra eriche, pomici ed ossidiate, lontani dal caos delle spiagge, con una Guida Escursionistica che ci accompagnerà alla scoperta delle parti più nascoste e preziose di queste isole.

1°giorno: Lipari

L’imbarco avverrà il sabato sera, dalle 19:00 in porto al Marina Lunga di Lipari; questo vivace paesino, è dominato dalla rocca del Castello, qui la vita si svolge per lo più lungo il Corso, la via principale che la attraversa, sulla quale si affacciano i numerosi e caratteristici violetti, tutti da scoprire.

Dopo aver sistemato i bagagli ci sarà tempo per una passeggiata e magari un aperitivo in uno dei tanti localini del paese, poi decideremo se cenare in paese o se ritornare a bordo.

2°giorno: Panarea

La domenica mattina salperemo per un primo bagno davanti alle vecchie cave di pomice di Lipari, le acque cristalline, quasi caraibiche vi incanteranno senz’altro!

Volgeremo quindi la prua alla volta di Panarea, la più piccola ma anche la più “chic” di tutto l’arcipelago, con le sue casette bianche sembra un frammento di Grecia piovuto dal nulla.

E’, geologicamente parlando, l’isola più antica, ha coste alte, frastagliate e inaccessibili sui lati occidentali e settentrionali, sulla costa nord-est troveremo invece la spiaggia di Calcara, dai colori tipici dello zolfo, con caldi vapori che escono dalle fessure delle rocce, facendo ribollire le acque circostanti…

Da qui inizieremo l’ascesa a Punta del Corvo, la cima più alta dell’isola, dalla quale proseguiremo lungo il crinale per scendere verso il villaggio preistorico di Punta del Milazzese.

Dopo un affaccio e, soprattutto, un bagno nella bellissima Cala Junco, faremo rientro a bordo.

L’intero percorso, molto panoramico, è immerso nella macchia mediterranea, che incornicia i suggestivi speroni di roccia lavica e le pareti rocciose a strapiombo sulla costa occidentale.

null

Panarea – 1° Trek Previsto:

La macchia mediterranea, le scogliere ed il villaggio preistorico

Calcara – Punta del Corvo – Punta del Milazzese

Tempo di percorrenza: 4 ore;

Lunghezza: km 7;

Quota massima: mt 421 slm;

Dislivello complessivo: mt 490

3°giorno: Stromboli

La mattina successiva dirigeremo verso Stromboli, l’ultimo vulcano insieme a quello sull’isola di Vulcano,

ancora attivo, ma non prima di essere passati vicino a Basiluzzo, un isolotto interamente costituto da colate

laviche stratificate in tempi differenti, che hanno creato grotte, anfratti e formazioni rocciose

particolarissime.

La bocca del vulcano di Stromboli si erge fin quasi a 1000 mt, ed è uno dei vulcani con l’attività più intensa al

mondo, erutta in media ogni ora!

L’ escursione sarà guidata da una guida Vulcanologica, l’ unica figura autorizzata a condurre gruppi fin sopra le bocche eruttive, dove giungeremo proprio al tramonto, quando lo spettacolo è ancora più entusiasmante.

Imperdibile poi lo spettacolo della Sciara del Fuoco, nome con cui si identificano le colate laviche che

percorrono il fianco nord orientale dell’isola, ben visibili dopo il tramonto dal mare, a bordo di uno dei

barchini attrezzati che avremo provveduto ad assoldare.

Torneremo quindi a bordo per la notte.

null

Stromboli – 2° Trek previsto:

Lo spettacolo notturno del vulcano

Tempo di percorrenza: 5-6 a/r ore;

Lunghezza: km 9 a/r;

Quota massima: mt 900 slm;

Dislivello complessivo: mt 900

4°giorno: Salina

Il mattino ci troverà pronti a salpare alla volta di Salina, la seconda isola, per dimensioni, dopo Lipari, famosa per l’ottimo Malvasia qui prodotto, per i suoi gustosissimi capperi mignon, e per essere stata scelta da Troisi per il suo film “Il Postino”.

Grazie ad un accordo con la cantina “Fenech”, uno dei più noti produttori di Malvasia, sarà possibile organizzare una visita con degustazione alla cantina per gli interessati.

Giunti a Salina sbarcheremo al porto di Rinella, da qui prenderemo l’autobus per Leni, dove, alle pendici del Monte dei Porri, ha inizio un percorso che risalendo verso il Pizzo di Corvo giunge fino al margine dell’antico vulcano all’interno del quale sorge il villaggio di Pollara.

Dal margine del cratere, scenderemo verso il “Semaforo” della Marina Militare, dal quale potremo raggiungere l’antico borgo ed il suo splendido mare. Arrivando a Pollara, l’impressione è quella di entrare in un’isola nell’isola: poche case, quasi dimenticate dal progresso, sorgono sul fondo di un cratere vulcanico crollato per metà e strapiombante sul mare. Verso ovest  ai piedi della falesia, scavate nel tufo e direttamente aperte sull’acqua, appaiono i ricoveri per le barche dei pescatori.

Ritorneremo a Rinella in autobus.

Andremo quindi in rada davanti a Santa Marina, il paese più grande dell’ isola, e chi vorrà potrà provare la celeberrima granita di Alfredo a Lingua.

null

Salina – 3° Trek previsto:

Pollara: l’isola nell’isola, il villaggio dentro il vulcano

Rinella – Leni – Piano del Vescovo – Pizzo Corvo – Semaforo – Pollara

Tempo di percorrenza: 4,5 ore;

Lunghezza: km 9;

Quota massima: mt 450 slm;

Dislivello complessivo: mt 600

crociera eolie

5°giorno: Filicudi

Quest’isola appartata e selvaggia colpisce sempre per la sua aspra bellezza solitaria; questo è il regno incontrastato di grotte sottomarine e picchi lavici a strapiombo su acque cristallo, ricchissime di pesce, di fitti terrazzamenti faticosamente costruiti su cui vengono coltivati viti, ulivi e fichi d’India.

Dal Porto ci sposteremo verso Valdichiesa ,da dove imboccheremo un sentiero panoramico, che a mezza costa porta alle case di Zucco Grande.

Inizieremo quindi l’ascesa verso il Monte Fossa delle Felci (omonimo della vetta di Salina), dalla cima del quale ammireremo uno splendido panorama sulle scogliere occidentali, sulla costa siciliana e sulle altre isole dell’arcipelago.

Scenderemo, quindi, verso Pecorini a Mare, per rientrare al Porto passando dalla Rocca Ciauli. Tutto il sentiero si snoda in mezzo ad una lussureggiante vegetazione a macchia mediterranea.

null

Filicudi – 4° Trek previsto:

Nelle isole più lontane…

Porto – Zucco Grande – Monte Fossa – Portella – Rocca di Ciauli – Porto

Tempo di percorrenza: 6 ore;

Lunghezza: km 14;

Quota massima: mt 774 slm;

Dislivello complessivo: mt 974

crociera eolie

6°giorno: Vulcano

Partiremo con calma la mattina, certo non prima di esserci goduti un ultimo bagno in queste meravigliose acque, stavolta diretti verso l’isola che ha dato il nome a un preciso tipo di vulcanismo, quello esplosivo!

L’isola attuale deriva dalla fusione di più vulcani, il Vulcano della Fossa è il grande, Vulcanello, il più piccolo, vi è collegato tramite un istmo. Verremo accolti da un intenso odore di zolfo, qui l’attività vulcanica è infatti parte della vita dell’isola, fumarole, getti di vapori e curativi fanghi sulfurei accompagneranno la nostra giornata.

Il programma della giornata prevede due itinerari: il primo è rappresentato dalla salita al Gran Cratere, interessantissima e poco faticosa, che ci darà l’emozione di trovarci a tu per tu con il vulcano, immersi nei paesaggi lunari determinati dall’intensa attività fumarolica, tuttora persistente.

Quindi rientreremo al paese per pranzare alle Spiagge Nere e da qui, nel pomeriggio, una passeggiata ci porterà sulla penisola di Vulcanello, formatasi durante l’eruzione del 183 a.C. Qui vedremo suggestive rocce vulcaniche dalle mostruose forme, che sembreranno prendere vita lungo la Valle dei Mostri.

E per riprendersi dalle fatiche sostenute cosa c’è di meglio che un bagno nei fanghi e magari una birra in riva al mare?

null

Vulcano – 5° Trek previsto:

Le fumarole di zolfo e le antiche colate laviche

Porto di Levante-Gran Cratere e rientro;

Spiagge Nere-Valle dei Mostri e rientro

Tempo di percorrenza: 2,5+1,5 ore;

Lunghezza: km 7+5;

Quota massima: mt 391 slm;

Dislivello complessivo: mt 491+60

7°giorno: Lipari

Il cerchio si chiude…si riparte il mattino alla volta di Lipari, una volta al porto ci sposteremo in autobus a Pianoconte, da dove ha inizio il sentiero che conduce nell’area delle antiche Cave di Caolino, circondati da fumarole e terre colorate.

Il sentiero scende quindi verso il mare, per proseguire lungo costa fino all’edificio ottocentesco delle Terme di S. Calogero, utilizzate sin dall’epoca romana.

Dopo aver visitato le terme di S. Calogero, proseguiremo per Pianoconte, dove prenderemo l’autobus che ci riporterà a Lipari.

Qui visiteremo il centro storico e il museo archeologico, allestito all’interno del castello medievale.

Qui ripercorreremo la storia delle genti eoliane, pescatori e marinai sin da quando i primi uomini, nella preistoria, decisero di installarvisi e vi fecero fiorire una civiltà prospera e dinamica, che traeva la sua vitalità dalla terra di pomici e ossidiane e dal mare della pesca e dei commerci.

Rientreremo quindi a bordo per una doccia rinfrescante, pronti a tuffarci nella movida lipariote per l’ultima sera!

Sbarco il mattino successivo entro le ore 9:00

null

Lipari – 6° Trek previsto:

Le fumarole, i panorami e i suggestivi colori delle miniere

Cave di Caolino –Terme di S. Calogero – Pianoconte

Tempo di percorrenza: 5 ore;

Lunghezza: km 8;

Quota massima: mt 380 slm;

Dislivello complessivo: mt 350

  • Skipper
  • Guida Escursionistica
  • Assicurazione “Casco” e RC
  • Tender & fuoribordo
  • Pulizie Finali
  • Cambusa
  • Porti/boe
  • Gasolio
  • Guida Vulcanologica su Stromboli (da pagare in loco)
  • Spostamenti in taxi o bus via terra
  • tutto quanto non specificato in “la quota include”

NB: Le spese sono quantificabili in circa 170€ per persona per la settimana.

Date disponibili su richiesta, con meno di 7 partecipanti la guida non sarà sempre a bordo, ma raggiungerà il gruppo alla partenza delle escursioni.

Imbarco e sbarco dal porto di Lipari, sabato sera imbarco dalle ore 19, sbarco sabato mattina entro le ore 9:00.

Richiedici un preventivo personalizzato in base al periodo che ti interessa!